Risotto Robiola di Roccaverano e Mortadella Vismarissima

Risotto robiola e mortadella

 

Ricetta semplice che unisce gusto e cremosità

Continuiamo il tour tra i ricchi sapori d’Italia passando dal Piemonte. Qui nasce la storica Robiola di Roccaverano  che con il suo aroma delicato e la morbida consistenza risulta essere un formaggio molto versatile, capace di stimolare la fantasia in cucina.
Crostini di Robiola, Robiola al Bagnet  Vert, Frittata con Robiola e Salame, sono solo alcuni dei modi di gustare questo squisito formaggio fresco. Noi vi proponiamo di abbinarlo all’inconfondibile sapore della nostra Mortadella Vismarissima con una ricetta davvero speciale: risotto robiola e mortadella.

La robiola è un prodotto a latte crudo intero di capre Roccaverano e Camosciata Alpina con aggiunta di latte crudo di vacca Piemontese  o Bruna Alpina e di pecora delle Langhe.
La stagionatura del formaggio, quando avviene, non supera i 20 giorni, durante i quali le forme vengono cosparse di senape. Il questo caso il formaggio acquista un sapore quasi piccante.
Se si unisce la robiola alla nostra Mortadella Vismarissima, prodotta solo con carni accuratamente selezionate, il risultato non può che essere strepitoso!

INGREDIENTI (per 2 persone):

  • 160 gr di riso
  • 1 fetta spessa di Mortadella Vismarissima
  • 1 fetta di Robiola di Roccaverano
  • 1 scalogno 1 bicchiere di vino bianco
  • Brodo vegetale
  • 20 gr di burro

PREPARAZIONE:

In una padella grande mettete a fondere il burro, rosolate delicatamente lo scalogno tritato quindi tostate il riso; sfumate il tutto con un bicchiere di vino bianco secco. Coprite con il brodo vegetale e fate cuocere il tempo necessario (circa 10 minuti). Prima di finire la cottura tagliate la mortadella Vismarissima  a cubetti e unitela al riso. Coprite con un po’ di brodo e terminate la cottura.
Infine aggiungete la Robiola tagliata a tocchi e mescolate il tutto .
Un pizzico di pepe e il nostro risotto robiola e Mortadella Vismarissima è pronto per essere servito.

Ferrarini
Ferrarini

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *