Scopri il gusto dei limoni di Sorrento con una golosa ricetta

Limoni di Sorrento

 

Viaggia con Ferrarini verso i sapori della Campania e dei limoni di Sorrento

I limoni di Sorrento vengono esportati in molti Paesi e, grazie alla loro fama di “sapore unico”, sono diventati una vera e propria specialità nazionale.

L’albero da frutto del limone è presente in Campagna sin dall’antichità. Si pensa che l’abbiano portato gli Ebrei, per i quali aveva un valore rituale, e che quindi risalga al I secolo a.c.. Nella zona di Sorrento si ha un sistema tradizionale di coltivazione dell’albero: le piante vengono fatte crescere sotto impalcature di pali di legno di castagno sui quali vengono appoggiate le cosiddette “pagliarelle”, coperture di canne adottate per proteggere le chiome degli alberi dal freddo e dal vento e per ritardare il più possibile la manutenzione dei frutti.

****

I limoni di Sorrento vengono utilizzati per molte ricette, qui ve ne proponiamo una: risotto ai limoni di Sorrento con i nostri prodotti tipici tra cui il Parmigiano Reggiano DOP e il Prosciutto Cotto Ferrarini.

Ingredienti:
320 di riso Carnaroli

un rametto di maggiorana

2 limoni di Sorrento

2 scalogni

40 gr di Parmigiano Reggiano Ferrarini DOP

100 gr di Prosciutto Cotto Ferrarini

Un litro di brodo vegetale

60 gr di burro Ferrarini NON OGM

Sale q.b.

Pepe q.b.

Preparazione:

Sbucciate e tritate gli scalogni; fateli appassire in una casseruola con 30 gr di burro NON OGM, la scorza grattugiata di mezzo limone e il Prosciutto Cotto Ferrarini tagliato a julienne.
Unite il riso e lasciatelo tostare per 3 minuti a fiamma alta; irrorate con il succo di limone e lasciate evaporare.
Abbassate la fiamma e unite 2 mestoli di brodo.
Proseguite la cottura per 15 minuti aggiungendo il brodo caldo all’occorrenza e mescolando.
Spegnete il fuoco e mantecate con  il burro Ferrarini restante e il Parmigiano Reggiano Ferrarini DOP grattugiato; aggiungete la maggiorana e il pepe a piacimento.

Servite il piatto accompagnandolo con un buon Sauvignon Bianco delle nostre cantine.

Ferrarini
Ferrarini

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *